1929
Mario Cervo nasci in Tarranóa, primmu di cincu fiddholi. Li tempi di la so’ infanzia stesini difficili sia pa l’anni di bisognu e di tristura di la gherra, sia palchì filmesi olfanu sendi ancora cioaneddhu. Frecuentesi cun pruvettu li scoli finz’a la telza avviamentu, fendi a lu matessi tempu sacrifizi manni pa agghjutà la familia.

1950
Cumencia a trabaddhà illa Cumpagnia di lu Poltu di Tarranoa , fulmendisi una personalitài laica, socialista e antifascista ch’arà a mantiné pal tutta la ‘ita. In chistu periodu cumencia a aunì materiali fonograficu e a cilcà in ghjru l’espressioni di la Saldigna sóia. Una cilca cuminciata sighendi la passioni c’aìa pa Gavinu De Lunas, ammentu di la minurìa, cu li grammofoni chi sunàani illi carreri e tutti li steddhi incantati addananzi a chissu strumentu magicu, pa ascultà lu re di li cantadori. E intantu cilcàa di ricuparà tuttu lu chi vinìa pubblicatu in Saldigna o da artisti saldi in dugna palti di lu mundu, punendi insembi una collezioni unica, undi v’era di tuttu: musica tradizionali salda e musica leggera.

mariocervo1958
Si cuiuigghja cu Anna Caboni, la femina chi li starà a fiancu tutta la ‘ita.

1962
Nasci la Nuraghe, primma casa discografica in Saldigna.

1970
Insembi a alti, fesi nascì in Tarranoa li primmi radiu libbari, prisintendi una trasmissioni tutta in saldu. L’usu di la linga logudoresa e gaddhuresa divintesi lu so’ modu di faiddhà in tutti l’occasioni pubblichi, signu d’affettu e cunsiderazioni a la ghjenti di la tarra soia chi ancora l’ammenta e l’ha in cori pa la so’ semplicitài, la dispunibbilitài e la ghjnirositài.

1980-1997
Ill’anni 80, vulendi dà lu so’ cuntribbutu a la politica di la citài, si candidesi cu lu Paltitu Socialista. Ma, delusu da la spiriénzia, prifirisi dedicà lu so’ tempu a la passioni pa la cultura salda, trasfulmendi l’amori pa la tarra soia inn’una cilca di tuttu lu chi l’appaltinìa : dischi, cassette e nastri, compact disc e ancora libbri, giornali e rivisti, preghieri, canti, baddhi, boci e magghjni.
Tanti, ill’anni, si so’ silvuti di tuttu lu materiali chi Mario Cervo ha postu insembi cun tanta pazenzia e passioni: una collezioni, la soia, chi felmarà illu tempu come puntu di paltenzia e fundamentu pa ca voddhia indagà e studià la musica salda a 78 giri, lu cantu in re e lu Rock in Sardigna.

mariocervo2

Ca l’ha cunsultata, studiosu o semplici appassiunatu, sempri v’ha agattatu infulmazioni, dischi di reggistrà o di cuppià: da la musica salda di l’anni vinti a la musica classica, da li Tenores a lu Jazz, da la musica di la tradizioni a la musica leggera da l’anni 60 e finz’a ogghj. È statu tra li sozzii fundadori de “S’Abboju”, associazioni nata pal dà valori a la cultura salda, e membru di la “Consulta” nata inn’ Alzachena pal dà valori e locu a Lu Gaddhuresu. Ha presu palti cu impignu attivu a tanti abboi a rigualdu di lu scottis, baddhu tipicu di la Gaddhura. Mario Cervo, chi a l’intaressamentu pa la musica, unìa una passioni manna pa lu ciclismu, è statu ancora tra li fundadori di la “Società Ciclistica Terranova”, animadori di tanti manifestazioni. Ancor’ogghj è pultatu a mintóu pa la sportivitài, la ghjnirositài, lu rispettu di li reguli e di l’avversarii. Tanti dirigenti di societai sportivi in tutta la Saldigna, ancor’ogghj lu piddhani a esempiu.
La Nuova Sardegna ha pubblicatu un alticulu supr’a Mario Cervo chjamendilu “Maestro di sport e di vita “ Si n’andesi una matinata di Santigaini di lu 1997, ma felma l’ammentu di l’ogghjetti chi faeddhani, di lu vinile chi canta, un patrimoniu ch’ha vulutu lassà inn’ereditài a lu locu soiu e a la Saldigna.